LUG Castegnato - Linux Users Group Castegnato / Foto di Stallman

LUG Castegnato - Linux Users Group Castegnato

Linux User Group Castegnato - BS

Non hai eseguito l'accesso.

#1 14-09-2008 12:01:12

Ken Parker
Moderator
Registrato: 14-03-2008
Messaggi: 738
Sito web

Foto di Stallman

http://www.kenparker.eu/12092008021.jpg

Cos'è e come nasce il Software Libero?

Tutto ebbe inizio al laoratorio di intelligenza artificiale del MIT (Massachusetts Institute of Tecnology), quando Richard M. Stallman si trovò a dover risolvere un problema nella stampante dell'ufficio.
Allora (anni '70) esisteva la consuetudine tra Geek (esperti nell'area dell'informatica e non solo) di scambiarsi le proprie scoperte secondo una ideologia di sviluppo che potesse mettere in condizione tutti di poter contribuire attivamente. Nel caso della stampante Xerox non fu così: ovunque RMS (come gli piace essere chiamato Stallman) si rivolgesse, non gli venivano fornite le informazioni necessarie per risolvere il problema causato dalla stampante. Questo era inconcepibile per Stallman, che si chiedeva: perchè non mi permettono di collaborare allo sviluppo e alla risoluzione di problemi di un loro prodotto, tra l'altro a costo zero?
La verità era che all'inizio degli anni '80 si stava facendo avanti una nuova mentalità che mirava a creare un business attorno allo sviluppo dell'informatica. Così una alla volta le persone che lavoravano per lo sviluppo libero vennero assoldate da grosse imprese che seguivano un modello di sviluppo chiuso.
Il fenomeno si diffuse e nacque così quella che oggi è considerata la via tradizionale nello sviluppo del software e i grandi colossi che realizzano software proprietario. Non tutti erano però daccordo con questa politica, primo fra tutti Richard Stallman. Rendendosi conto dell'impossibilità di non fare utilizzo di software proprietario, iniziò a sviluppare un sistema operativo tutto suo: GNU (acronimo ricorsivo di “Gnu is Not Unix”), a partire da un editor di testo “emacs”, fino ad arrivare al compilatore per C/C++ “gcc”. L'opera però di maggiore importanza che realizzò fu la licenza di distribuzione software “General Public License” (Licenza Pubblica Generica), che scrisse con l'aiuto di vari avvocati, e che diventò l'infrastruttura legale che tutela e garantisce quello che viene definito come software libero.
L'idea che sta alla base della Licenza GPL è che il software, così come il pensiero e la parola, siano i mattoni per la crescita culturale della comunità, per questo il software deve disporre delle seguenti 4 libertà fondamentali:


    * La libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo. Imporre restrizioni sull'uso del Software, in termini di tempo ("periodo di prova di 30 giorni", "la licenza scade il 1 Gennaio 2004"), di scopo ("il permesso è accordato per usi di ricerca o non commerciali"), o di area geografica ("non può essere usato nel paese X") rende un programma non libero.

    * La libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità. Anche imporre restrizioni di fatto o di diritto sulla comprensione o la modifica di un programma, ad esempio richiedendo l'acquisto di licenze speciali o la firma di un "Non-Disclosure-Agreement" (NDA) o, per i linguaggi di programmazione che sono rappresentabili in più forme, vietando l'accesso al mezzo più naturale per comprendere o modificare un programma ("codice sorgente"), lo rende proprietario (non libero). Senza la libertà di modificare un programma, la gente sarebbe alla merceè di un singolo fornitore.

    * La libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo. Il software può essere copiato e distribuito praticamente senza costi: se non si ha il permesso di dare un programma a qualcuno che ne ha bisogno (anche dietro pagamento, se lo si vuole), il programma non è libero.

    * La libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio. Nessuno è un bravo programmatore in tutti i campi, qualcuno non sa programmare del tutto. Questa libertà permette a chi non ha il tempo o le capacità per risolvere un problema di accedere indirettamente alla libertà di modifica. Anche questo può avvenire dietro un compenso.


E' grazie alla GPL che il software libero e il suo modello di sviluppo si diffuse. Questa licenza permetteva a persone, anche di continenti diversi, di collaborare fra loro per lo sviluppo delle applicazioni, con risultati molto spesso notevolmente migliori di quelli che si ricavavano da una singola azienda.


Coltiva Linux, perchè Windows si pianta da solo

Non in linea

 

#2 20-09-2008 19:53:14

diegotedo
Utente
da: Brescia
Registrato: 08-07-2008
Messaggi: 146

Re: Foto di Stallman

Per chi volesse approfondire meglio i concetti di Mr. RMS, trova una valida guida a questo link http://www.gnu.org/philosophy/why-free.it.html.

Cito come esempio un concetto,a mio avviso, di fondamentale importanza:
"I proprietari di software dicono che subiscono "danni" o "perdite economiche" quando gli utenti copiano i programmi per conto loro. Ma la copia non ha un effetto diretto sul proprietario e non danneggia nessuno. Il proprietario ha una perdita solo quando chi ha fatto la copia ne avrebbe acquistata una da lui se non l'avesse copiata. "

Buon free software a tutti!

Ciao! smile

Ultima modifica di diegotedo (20-09-2008 19:58:49)


-RUNNING FREE-

Non in linea

 

Footer forum

Powered by PunBB
© Copyright 2002–2008 PunBB